Come è possibile vedere i danni che lo smog, l’inquinamento e il fumo passivo provoca ai nostri polmoni? L’istituto di Tossicologia e  Medicina Sperimentale del Fraunhofer di Hannover ha svuluppato un test che permetterà di osservare la reazione che le nanoparticelle inalate causano nelle cellule dei polmoni e della pelle. I test usati in precedenza potevano dare esiti errati perché lo stesso terreno di coltura delle cellule poteva reagire ai gas immessi. Il nuovo metodo, chiamato PRIT, prevede sempre l’utilizzo di colture, ma i gas e le particelle inquinanti raggiungono direttamente i tessuti, protetti da membrane che evitano l’interazione con […]

Tags: , ,
| 0 Commento
TrackBack | Permalink

martedì, 30 marzo 2010

Microbi per salvare i mari dalla plastica

pubblicato da: samy in: Ambiente, Biologia, Natura, Ricerca

La plastica inquina i mari e gli oceani, danneggiando l’ecosistema marino per centinaia di anni. Particolarmente insidiosi sono i piccoli pezzi in cui la plastica si disgrega, la cosidetta microplastica, i frammenti di dimensione inferiore ai 5 mm, che assorbono sostanze tossiche e che avvelenano gli animali marini che li ingeriscono. I ricercatori dell’University of Sheffield hanno studiato alcuni batteri che sarebbero in grado di disgregare questi frammenti di plastica e hanno presentato in questi giorni il loro lavoro al convegno di primavera della Society for General Microbiology di Edimburgo. Lo studio, portato avanti dal gruppo del dottor Mark Osborn, […]

Tags: , , , ,
| 0 Commento
TrackBack | Permalink

sabato, 7 novembre 2009

Piante anti-inquinamento per la Toyota

pubblicato da: samy in: Agricoltura, Ambiente, Natura

No, non avete sbagliato a leggere e neppure io a scrivere: Toyota, casa automobilistica giapponese, ha prodotto degli ibridi di piante anti-inquinamento. Il colosso dell’auto è stato accusato di inquinare molto più del normale durante il processo di prodizine di Prius, l’auto ibrida.  Per questo da diversi anni ha sviluppato una politica di abbattimento dell’impatto ambientale dei propri processi produttivi anche grazie alle piante. Tra le varietà più interessanti ci sono una salvia da fiore, una gardenia e un tipo di erba da prato. L’ibrido derivato dalla salvia microphylla “Kirsch Pink” ha la capacità di assorbire gas inquinanti come il […]

Tags: , , ,
| 0 Commento
TrackBack | Permalink

venerdì, 27 marzo 2009

In arrivo pesce-robot per controllare l’inquinamento

pubblicato da: paolos in: Ambiente, Robotica

Stanno arrivando dei pesci-robot iper-tecnologici per aiutarci a tenere sotto osservazione lo stato di inquinamento delle acque. Si tratta di un robot a forma di carpa che sarà testato l’anno prossimo nel mare del nord della Spagna: lungo un metro e mezzo e equipaggiato con sensori chimici raccoglierà dati sull’inquinamento del porto di Gijón e li trasmetterà a terra attraverso il suo equipaggiamento Wi-Fi. Questi robot sono stati progettati e costruiti dal professor Huosheng Hu e dalla sua squadra di ricercatori dell’Università dell’Essex, nel Regno Unito, in collaborazione con BMT Group, una compagnia indipendente di ingegneria. “L’idea di puntare sulla […]

Tags: , , ,
| 0 Commento
TrackBack | Permalink

domenica, 25 gennaio 2009

Addio radar, per gli aerei in arrivo il GPS

pubblicato da: samy in: Aeronautica, Telecomunicazioni

Attualmente gli aerei in volo sono monitorati da radar terrestri che controllano la corretta distribuzione delle rotte, in modo che due velivoli non siano mai troppo vicini. La distanza orizzontale tra un aereo e l’altro deve essere tra cinque e otto chilometri, quella verticale di 330 metri. Quando gli aerei sono fuori dalla copertura del radar terrestre, al loro posizione è stimata, per cui, per ragioni di sicurezza, la distanza orizzontale deve essere di 130 km. In questi giorni sono state attivate in Canada e Groenlandia le prime stazioni con l’Automatic Dependent Surveillance-Broadcast (ADS-B), una tecnologia di sorveglianza cooperativa che […]

Tags: , , , ,
| 0 Commento
TrackBack | Permalink

martedì, 20 gennaio 2009

Cercare su internet inquina?

pubblicato da: paolos in: Informatica, Ricerca, Telecomunicazioni

Alex Wissner-Gross, fisico della prestigiosa Università di Harvard in un recente studio afferma che fare una ricerca tramite Google comodamente seduti davanti al PC genera 7 grammi di CO2. Quindi secondo il Times che ha riportato per primo la ricerca, ogni due ricerche si genera la stessa Co2 generata dal riscaldamento di una teiera. Secondo lo studio il problema è il funzionamento di Google, poichè per fare in modo che la query sia tempestiva, provvede a mandare una stessa interrogazione a più server dislocati in tutti il mondo, permettendo al navigatore di ricevere risposta da quello “più veloce”. Google ha […]

Tags: , ,
| 0 Commento
TrackBack | Permalink

sabato, 3 gennaio 2009

L’isola di spazzatura

pubblicato da: samy in: Ambiente, Natura

Per molti le Maldive sono sinonimo di un paradiso di mare, sole e spiagge bianche. Ma in questo luogo da sogno, costituito da quasi 1.200 isole coralline, dove viene ammassata la spazzatura? Nel 1992 è stata creata Thilafushi, un’isola artificiale nella laguna omonima, a pochi chilometri dalla capitale Male, per fungere da discarica. Una distesa di 50 ettari ricolmi di rifiuti, prodotti dalla popolazine maldiviana e dai 10.000 turisti che ogni settimana affollano i resort, ognuno dei quali produce 3,5 kg di rifiuti e richiede 500 litri d’acqua al giorno. Manca la raccolta differenziata, per cui sull’isola di spazzatura vivono […]

Tags: , ,
| 0 Commento
TrackBack | Permalink