Profumo di pollo arrosto, chi è meno magro lo sente meglio - di Tomas Castelazo

Profumo di pollo arrosto, chi è meno magro lo sente meglio - di Tomas Castelazo

Una curiosa ricerca, portata avanti dall’University of Portsmouth, in Gran Bretagna, ha stabilito che le persone con indice massa corporea più alto hanno un olfatto più sviluppato nei confronti degli alimenti.

Con l’aiuto di 64 volontari tra i 18 e i 49 anni, il dottor Lorenzo Stafford, del dipartimento di psicologia, ha cominciato ad indagare se le persone sentono più distintamente l’odore del cibo se sono a stomaco vuoto o dopo mangiato, ed è risultata vera la seconda opzione. Studiando ulteriormente i risultati si è scoperto che chi ha un indice di massa corporea minore sono più sensibili ai profumi non di cibo che quelli degli alimenti, al contrario di chi è tendenzialmente in sovrappeso.

Non si conosce il motivo di questa differenza, ma si potrebbe ipotizzare che coloro i quali hanno una propensione ad aumentare di peso siano maggiormente influenzati dal proprio olfatto e questo li porti a mangiare di più.

“Sapevamo da tempo che la parte del cervello che elabora le informazioni olfattive (la corteccia olfattiva) è collegata anche ai centri del cervello che sovrintendono all’alimentazione, ma ciò che è meno chiaro è in che misura essa controlla l’assunzione di cibo.” spiega il dottor Stafford. “Speriamo che questa ricerca stimoli nuovi studi che possano essere utili nella lotta contro l’obesità.”

Per approfondimenti: University of Portsmouth