Acqua - di W.J.Pilsak

Acqua - di W.J.Pilsak

Tutti sanno quanto sia importante bere acqua, ma alcune sue nuove virtù sono state scoperte solo recentemente dai ricercatori della Vanderbilt University Medical Center.

Bere acqua pura, senza aggiunta di sali, zuccheri o altro, aumenta l’attività del sistema simpatico, quello che ci prepara alla lotta o alla fuga, del sistema nervoso, incrementando il livello di vigilanza, la pressione sanguigna e il dispendio energetico.

Già dieci anni fa il dottor David Robertson, farmacologo e neurologo della Vanderbilt University, aveva scoperto che l’acqua fa aumentare la  pressione nei pazienti in cui manca il baroriflesso, ossia il meccanismo che mantiene stabile la pressione.

Grazie ad uno studio effettuato sui topolini gli scienziati hanno scoperto che l’acqua assorbita dall’intestino “diluisce” i sali presenti nel sangue e questo comporta la risposta del corpo che attiva il sistema simpatico e fa aumentare la pressione del sangue per riportare la concentrazione dei sali nella norma. Questo avviene grazie all’azione di una proteina chiamata Trpv4, infatti nei topini che non la possiedono questo tipo di risposta non esiste.

Questo significa che i donatori di sangue, per evitare gli abbassamenti di pressione del dopo donazione dovrebbero bere acqua. La Croce Rossa americana ha provato a sperimentare quasta teoria ed è emerso che bere mezzo litro d’acqua prima della donazione riduce del 20% il rischo di svenimento.

Ma la cosa più sorprendente è che l’attivazione del sistema simpatico comporta un dispendio di energia. “Ho calcolato che bevendo semplicemente ogni giorno un litro e mezzo di acqua, senza variare altro nella dieta,può portare a perdere oltre due chili nel giro di un anno.” racconta il dottor Robertson. “Non è la risposta ai problemi di peso della nostra società, ma di certo è interessante pensare che una semplice iperattivazione del sistema simpatico possa comportare un tale effetto.”

Per approfondimenti: Science Daily