Immagine inviata da Spirit raffigurante le sue ruote anteriori

Immagine inviata da Spirit raffigurante le sue ruote anteriori

La NASA ha annunciato l’inizio di una nuova missione per Spirit, il rover che oramai da sei anni invia immagini ed informazioni da Marte.
Spirit e il suo gemello Opportunity sono atterrati su Marte nel gennaio 2004 e la loro missione avrebbe dovuto durare 90 giorni.

Dieci mesi fa Spirit, muovendosi in un cratere, aveva sfondato la crosta superficiale ed è rimasto intrappolato nella sabbia. Nonostante i ripetuti sforzi non riesce ad uscire dalla trappola sabbiosa, anche perché due delle sue sei ruote sono danneggiate.

Da qui la decisione di non tentare ulteriormente di muoverlo, ma di far proseguire la sua missione di ricerca e analisi da dove si trova.

Ora il primo compito di Spirit sarà prepararsi all’inverno marziano, che inizierà a maggio. Nella posizione in cui si trova a metà febbraio i suoi pannelli solari non riceveranno abbastanza luce, per cui adesso si tenterà di orientarlo in modo un po’ più favorevole per permettergli di non consumare tutte le sue energie.

Anche da fermo Spirit sta studiando le piccole oscillazioni della rotazione di Marte per aumentare la conoscenza del suo nucleo. Questo studio richiederà mesi di tracciamento del moto di un punto sulla superficie del pianeta per calcolarne il movimento a lungo termine con una precisione di pochi centimetri.

“Sarebbe meraviglioso se il segno di distinzione finale della missione scientifica di Spirit fosse determinare se il nucleo di Marte è liquido o solido” afferma Squyres, ricercatore della Cornell University,”sarebbe completamente diverso da tutte le altre conoscenze che abbiamo acquisito da lui.”
 
Per approfondimenti: NASA