La galassia Messier 82 (M82)

La galassia Messier 82 (M82)

Ricercatori dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics (CFA) hanno scoperto, grazie ai dati raccolti dal telescopio VERITAS, Very Energetic Radiation Imaging Telescope Array System, l’origine dei raggi cosmici.

Scoperti un centinaio di anni fa, i raggi cosmici sono in realtà delle particelle subatomiche, spesso protoni, che viaggiano ad una velocità vicina a quella della luce.

Studiare quelli che raggiungono l’atmosfera terrestre è abbastanza complesso, per questo VERITAS ha cercato gli indizi della presenza di raggi cosmici: i raggi gamma. I raggi gamma sono la forma più energetica della luce, molto più potente della luce ultravioletta o dei aggi-X.

Quando i raggi cosmici interagiscono con il gas interstellare e la radiazione all’interno delle galassie, producono i raggi gamma, che possono poi sfuggire alla loro galassia e raggiungere la Terra. VERITAS è stato puntato verso la cosiddetta “galassia a sigaro”, Messier 82 (M82), che si trova a 12 milioni di anni luce dalla Terra in direzione della costellazione dell’Orsa Maggiore.

L’osservazione ha dimostrato che in M82, dove sono presenti molte supernove e stelle in formazione, la densità di raggi cosmici è 500 volte la densità media nella nostra Galassia, la Via Lattea.

Da tempo gli scienziati teorizzavano che i raggi cosmici fossero generati da esplosioni di stelle o venti stellari, ma non si era ancora riuscito a dimostrarlo. “Questa scoperta era stata prevista da quasi 20 anni, ma fino ad ora nessuno strumento era abbastanza sensibile da vedere”, ha affermato Wystan Benbow,  astrofisico dello Smithsonian Astrophysical Observatory.

Lo studio è stato pubblicato da Nature.

Per approfondimenti: cfa.harvard.edu